Ordine Ingegneri Verona - NewsLetter del 18/06/2013





Competenze professionali
Lettera inviata ai Comuni della provincia di Verona

Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso del nostro Ordine che ha impugnato come illegittimi gli atti con cui il Comune di Sona aveva affidato ad un geometra invece che ad un ingegnere, la progettazione definitiva, esecutiva, la direzione dei lavori e il coordinamento sicurezza in fase di progettazione ed esecuzione per la realizzazione di nuovi loculi nel cimitero di Lugagnano di Sona.

Inoltre, sempre su richiesta del nostro Ordine, lo stesso TAR ha sospeso in attesa di giudicare la richiesta di annullamento della Delibera di Giunta del comune di Torri del Benaco che legittimava la competenza dei tecnici diplomati per volumetrie fino ad almeno 1500 mc, indipendentemente dalla destinazione d’uso dell’opera in esame, dalla modestia e/o semplicità della costruzione e dall’uso di cemento armato o metallo quali elementistrutturali/portanti.

In allegato la documentazione di riferimento.

leggi tutto      

Circolare C.N.I nr. 221 del 14.05.13 - competenze
competenze dei geometri nella progettazione degli impianti fotovoltaici - invio studio predisposto dal C.N.I.

Il Centro Studi del Consiglio Nazionale ha elaborato l'allegato documento che fa luce sulla problematica, giungendo alla conclusione che i geometri, in quanto libero professionisti iscritti all'albo, non dispongono di alcuna competenza nella progettazione di impianti fotovoltaici, indipendentemente dalla potenza deli impianti medesimi.

Soltanto in quanto tecnici abilitati ai sensi deli artt. 4 e 5 del DM nr. 37/2008, i geometri, come pure altre figure (professionali e non), possono progettare impianti fotovoltaici limitatamente a quelli di potenza non superiore a 6 KW.

Per approfondimenti si veda la documentazione allegata.
leggi tutto      

Circolare C.N.I. nr. 209 del 30.04.13 - competenze
Ruolo dei periti assicurativi - ricostruzione dinamica e cinematica dell'evento dannoso - competenze professionali degli ingegneri

Il C.N.I. con l'allegata nota intende informare gli Ordini territoriali degli sviluppi della problematica delle competenze per la ricostruzione causale e dinamica dei sinistri derivanti dalla circolazione di veicoli a motore e natanti e dell'iscrizione al Ruolo Nazionale dei periti assicurativi.

La posizione del Consiglio Nazionale - espressa in pareri e note ufficiali - è che l'attività ricostruttiva della dinamica degli incidenti stradali è riservata agli Ingegneri e ai Periti Industriali (con indirizzo meccanico e navale), iscritti all'albo di Categoria.

Agli iscritti al Ruolo dei periti assicurativi è consentita unicamente l'attività di stima del danno provocato dal sinistro, dal furto o dall'incendio dei veicoli. Il perito assicurativo può quindi accertare e stimare i danni subiti dagli autoveicoli (o dai natanti) e redigere successivamente una relazione descrittiva. Il tutto fermo restando le competenze derivanti agli Ingegneri per effetto della legge professionale (RD 23.10.1925 n. 2537).

L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha inviato, in data 21.01.13 (prot. nr. 0012006), una nota (allegata al circolare C.N.I. sopra richiamata) di trasmissione parere per il Presidente dell'I.V.ASS. (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni, che preso il posto dell'ISVAP), rilasciato ai sensi dell'art. 22 della legge nr. 287/1990.

Nel suddetto parere l'Autorità Antitrust afferma che "in base alle informazioni acquisite presso codesto Istituto e dal quadro normativo di riferimento", si deve concludere che "l'assegnazione dell'incarico finalizzato alla ricostruzione dinamica e cinematica dell'evento dannoso può essere riconosciuta ad un'ampia categoria di figure professionali (fra le quali rientrano certamente anche gli ingegneri e i periti industriali) che siano ritenute in possesso delle necessarie competenze tecniche", riconoscendo in tal modo espressamente la competenza di Ingegneri e Periti Industriali in materia. In questo modo l'Autorità si allinea al disposto dell'art. 3, comma 4 del Provvedimento ISVAP n. 11 del 2008 laddove la stessa, parlando dei periti assicurativi, afferma che "nell'attività peritale (e quindi nelle competenze dei periti assicurativi) non rientrano le attività di ricostruzione dinamica e cinematica dell'evento dannoso.

Per ulteriori approfondimenti si veda la documentazione allegata.
leggi tutto      

Indirizzi

Ordine degli Ingegneri Via Santa Teresa, 12
37135 - Verona

Contatti

tel. 045 8035959
fax 045 8031634
ordine@ingegneri.vr.it

Segreteria

Lunedi Martedì e Giovedì
dalle ore 09.30 alle 12.30
Lunedì Mercoledì e Venerdì
dalle ore 15.30 alle 18.00

2012 Ordine Ingegneri Verona - Tutti i diritti riservati Se non desiderate ricevere questa newsletter potete, entrando nel Vostro profilo, disabilitarne la ricezione